Accessibilità      Faq      Mappa del Sito     Privacy

Lorenzo De Ferrari per Casaleggio Boiro. Un’insolita vicenda. Un dipinto restaurato, un volume, un video e un cartone animato di Enzo Marciante

Vota questo articolo
(0 Voti)

VENERDI' 6 DICEMBRE ORE 17:00

 

La Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le province di Alessandria Asti e Cuneo é protagonista, accanto al Segretariato regionale per la Liguria, di un'iniziativa di tutela e valorizzazione rivolta allo splendido e poco noto dipinto La Vergine Assunta e la Santissima Trinità con i santi Leone Magno e Martino del pittore genovese Lorenzo De Ferrari (1680-1744), conservato presso l'oratorio della Santissima Trinità di Casaleggio Boiro (AL), un paese del cosiddetto Oltregiogo. Il restauro dell'opera, i cui esiti saranno presentati venerdì 6 dicembre alle ore 17 presso il Salone da Ballo di Palazzo Reale a Genova, è stato reso possibile grazie a un finanziamento straordinario di circa 15.000,00 euro che il Segretariato regionale per la Liguria ha ottenuto dalla Direzione Generale Bilancio del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo (MiBACT), a conclusione di una vicenda davvero particolare. 

            Spettacolare prodotto del tardo Barocco genovese, questa grande pala d’altare fu dipinta a Genova nel 1714 da Lorenzo De Ferrari per la comunità di Casaleggio Boiro. I fondi per la realizzazione dell’opera furono raccolti, in buona parte, dai confratelli dell’antico oratorio della Trinità, ma nella commissione un ruolo determinante, anche per l’individuazione del pittore, fu giocato dal feudatario locale, il genovese Luca Fieschi. Trasferito a metà Ottocento nel nuovo oratorio dei Trinitari, il dipinto è stato correttamente attribuito al suo autore solo in anni recenti. E in maniera decisamente curiosa è avvenuta la sua “riscoperta”, legata a un concerto tenuto nell’agosto 2018 a Casaleggio Boiro da un cantautore genovese, Franco Boggero, che è anche funzionario storico dell’arte della Soprintendenza di Genova. In quell’occasione non solo avveniva la presentazione di una canzone inedita, dedicata a un rovinato cartello stradale di pericolo (con la scritta “Pietrischetto sul piano viabile”) che da decenni prospetta sull’incrocio principale del paese, ma veniva proprio lanciata l’idea di restaurare il dipinto di Lorenzo De Ferrari e, sulla scorta di questo, di una valorizzazione del paese e delle sue risorse ambientali e turistiche. 

            La concretizzazione di questa idea è stata resa possibile dall'azione di coordinamento svolta dal Segretariato regionale della Liguria, che ha portato a un protocollo d’intesa per lo studio, il restauro e la valorizzazione del dipinto, sottoscritto nel dicembre 2018 dallo stesso Segretariato regionale insieme alla Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Alessandria, Asti e Cuneo, alla Parrocchia di San Martino di Casaleggio Boiro e al Comune di Casaleggio Boiro. Sollecitata dai fondi resi disponibili dal Segretariato regionale per la Liguria, questa sinergia ha consentito il recupero di un dipinto che non solo riveste un significato particolare per la comunità locale, ma costituisce al contempo una testimonianza esemplare della fase giovanile del pittore e restituisce dunque un importante tassello della sua produzione all’interno della pittura barocca genovese. 

            L’opera, restaurata presso il laboratorio Nicola Restauri di Aramengo d’Asti sotto la direzione dei funzionari Giulia Marocchi, Liliana Rey Varela e Rossana Vitiello,  resta esposta al pubblico fino al 9 marzo 2020 nella Cappella di Palazzo Reale, all’interno dell’abituale percorso di visita. Una scelta non casuale: la Galleria della Cappella conserva infatti affreschi a monocromo, concepiti come gruppi scultorei entro profonde nicchie, che furono eseguiti per la famiglia Durazzo da Lorenzo De Ferrari. 

            Il dipinto viene presentato insieme a un volume, un video e un cartone animato di Enzo Marciante: un modo per raccontarne la scoperta, la storia e il restauro, e ripercorrere la fortunata combinazione di eventi ha dato luogo all’“insolita vicenda” da cui è scaturito l’importante risultato raggiunto. Oltre a essere proiettati su schermo nell’ambito dell’esposizione, gli apparati multimediali sono stati inseriti in una card appositamente predisposta a corredo di ogni volume. 

         Il volume è stato dedicato dai curatori, Franco Boggero e Rossana Vitiello, al ricordo di Ezia Gavazza, storica dell’arte italiana e docente presso l’Università degli Studi di Genova, nota per i suoi studi sul Barocco genovese e, in particolare, proprio su Lorenzo De Ferrari.

 

 

 

PROGRAMMA

 

Interventi di

Alessandra Guerrini, Direttore di Palazzo Reale, Genova

Elisabetta Piccioni, Segretario regionale del MiBACT per la Liguria pro tempore

Andrea Muzzi, Soprintendente Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le province di Alessandria Asti e Cuneo

Don Pier Luigi Martini, Parroco di San Martino

Matteo Mazzarello, Sindaco di Casaleggio Boiro

Franco Boggero, Funzionario storico dell’arte del MiBACT e Cantautore

Rossana Vitiello, Funzionario storico dell’arte del Segretariato regionale del MiBACT per la Liguria

Enzo Marciante, Cartoonist

 

Proiezione video Operazione Casaleggio e cartone animato Pietrischetto sul piano viabile

 

 

Referente per l’ufficio dell’evento: dott.ssa Giulia Marocchi

 

 

INGRESSO: libero fino ad esaurimento posti

 

 

COORGANIZZATORI: 

Segretariato regionale per la Liguria - Ufficio Comunicazione

Rossana Vitiello - Maria D’Amuri

 

 

Esposizione Lorenzo De Ferrari per Casaleggio Boiro. Un’insolita vicenda: Museo di Palazzo Reale, Genova; dal 7 dicembre 2019 al 9 marzo 2020; orari e costi per l’ingresso all’abituale percorso di visita, tutti i dettagli al sito web http://palazzorealegenova.beniculturali.it

 

 

  

CLICCA QUI PER SCARICARE IL TUO INVITO

 

C O N T A T T I

Indirizzof

Palazzo Reale, Salone da Ballo – Genova, via Balbi 10

Telefono

+39 010/2488016 - 033

Fax

+39 011/5213145

EMAIL

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

  

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Il 2 giugno 2015 in Italia sono entrati in vigore i nuovi adempimenti previsti dalla normativa europea sui cookie. La tanto discussa cookie law conformemente a quanto stabilito nel provvedimento del Garante per la protezione dei dati personali dell'8 maggio 2014, recante "Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie". La nostra piattaforma è adeguata alla normativa, richiedendo il consenso a tutti i visitatori.

L'iniziativa del nostro Garante della Privacy non nasce dal nulla e non è altro che un atto dovuto di adeguamento della normativa Italiana a quanto disposto in sede europea: la cookie law, infatti, è un provvedimento nato a livello comunitario (direttiva 2009/136/CE) con l'intento di arginare la diffusione dei cosiddetti cookie di profilazione e dei connessi rischi per la privacy degli utenti di Internet.

Che cosa sono i cookie? I cookie sono file creati dai siti web visitati al fine di memorizzare le informazioni di navigazione, ad esempio le preferenze per i siti o i dati del profilo. Esistono due tipi di cookie. I cookie proprietari vengono impostati dal dominio del sito elencato nella barra degli indirizzi. I cookie di terze parti provengono da altri domini che contengono elementi, come annunci o immagini, incorporati nella pagina, noi non abbiamo cookie di terze parti.

 

Indirizzo Cittadella di Alessandria, Pavia snc,  15121

 

Telefono +39 0131.229100

 

Fax +39 011.5213145

 

 

SEGUICI SUI SOCIAL

 

 

 

© 2020 - Soprintendenza archeologia belle arti e paesaggio per le province di Alessandria Asti e Cuneo - applicazione web e design Gianluca Di Bella